I 4 errori più comuni di noi mamme

I 4 errori più comuni di noi mamme

Che dite, ci applichiamo? Per noi eh, per vivere meglio, non per ambire a essere madri perfette. A mio modesto parere,queste sono quelle che ci complicano di più la vita:

1) ANSIA

Inizio a pensare che a noi donne debbano averci cresciuto con pane e ansia. L’ansia accompagna ogni nostra scelta, movimento, si ripercuote spesso sui nostri figli. È tutto un controllare, stare attente, intervenire, preoccuparsi.
Ma lo sai che basta un attimo e… ? Ma certo, non voglio mica dire che dobbiamo giocare alla play mentre nostro figlio tenta la rampicata sulla libreria.  Però basta, basta davvero con tutti quei “non toccare quello” “vieni qui” “vai là” “no aspetta ritorna qui” “questo è pericoloso” “questo è cacca!” (cacca!?) “il cane ti morde” “arriva l’uomo nero” “non correre” “non sudare” “corri senza sudare” (giuro). Una volta mi hanno sgridato per aver dato un grissino in mano a mio figlio “che gli va nell’occhio e rimane cieco”.

Basta proteggerli così tanto, non ha senso, per 10 volte che le cose vanno male 1.000 volte vanno bene, ma a queste non pensa mai nessuno. Respiriamo e lasciamo vivere, tenendo ovvio sempre gli occhi aperti (se qualche grissino nel frattempo non c’ha reso cieche)

2) PAURA DEL GIUDIZIO

L’altro giorno sono dovuta andare dal medico a ritirare una ricetta con JP. Che aveva deciso che il pomeriggio là, proprio non lo voleva passare. Si è lanciato nelle migliori sceneggiate sul mercato. Venghino signori venghino. Buttarsi a terra? ce l’ho. Puntare verso l’uscita disperato? ce l’ho. Urletti e strepitii? ce li ho, ce li ho.
e io che ho fatto? l’unica cosa che una mamma riesce a fare in queste occasioni: ho sudato.

Attorno, mi fissavano tutti. Qualche signora ha osato persino un “ehhh ma che monello”. Utilissimo per l’occasione.
Ho provato coi palloncini portati da casa, ma niente.
Macchinina: lanciata in aria.
Spiegare con tono calmo, sgridarlo, ostentare indifferenza: tutto inutile.
Avrei potuto accendere il cellulare ma io sono una mamma ETICA.

EHHH
noooo, non l’ho acceso perchè sennò avrebbero pensato “tó, un’altra mamma che placa il figlio col cellulare e non a suon di sberle”.

gli ho dato una sberla, quindi? e no, cara vecchia signora, non do una sberla a un bambino di 2 anni perchè non vuol stare chiuso in uno studio medico anzichè andare al parchetto.
A un certo punto una tizia (buon’anima) si è alzata, ci è venuta incontro, si è rivolta a lui in maniera gentile e simpatica e l’ha fatto giocare. Prima lo gnomo ha fatto l’offeso, poi si è sciolto in uno dei suoi mega sorrisi. In un attimo l’atmosfera si è rilassata, io ho smesso di sudare e lui è stato più collaborativo.

Questo per dirvi che: A) se tutti investissimo le nostre energie ad aiutare anzichè guardare male sarebbe un mondo più bello  B) noi mamme ci sentiamo sempre giudicate, perché CI GIUDICANO. Il punto è che ora tocca a te, l’attimo dopo a quella con 200 tatuaggi e l’attimo dopo ancora a quello coi capelli rasta. Ma noi siamo sempre più fragili e insicure. Dateci una mano, suvvia.

3) INFLESSIBILITÀ 

Come dici? Quindi dovrei fargli fare tutto? e sì brava così mi mette subito i piedi in testa. Rigore! Diiisciplina!

Su dai mamma, fermati un attimo e non farti prendere dalla paranoia della mamma assoggettata al figlio. Flessibilità non vuol dire viziarlo, non vuol dire Non mettere dei limiti. Significa smetterla una buona volta di cercare di applicare a tutti i costi regole che non ti/vi/gli si addicono. Solo perché l’hai letto in qualche manuale o te lo dice la nonna o lo suggerisce l’OMS o tua cugina faceva così o sennò chissà che pensa la gente (punto 2).

Fai quello che ti fa star bene e quello che sembra più adatto alle esigenze di tuo figlio. Senza intestardirti su certe idee perché così deve essere.
Se ti vien comodo dormire con lo gnomo in camera, perché cosi non devi fare avanti e indietro tutta la notte, o se è ancora più riposante mettertelo nel lettone, ha senso fissarsi che debba dormire per forza nella sua cameretta solo perché così È giusto?

Se trovi che non fare allattamento a termine sia la scelta più saggia per te e per tuo figlio, perché così ti senti, perché non ne puoi più o mille altri motivi… Semplicemente, smetti.

Se tuo figlio non vuole dormire, non stare ore a ore a cercare di metterlo a letto per forza alle 20 ogni sera, perché un conto è cercare di stabilire una buona abitudine, un conto perseverare inutilmente per mesi. Il risultato è che lui va comunque a letto alle 10, e tu sei talmente nervosa che appena tuo marito ti chiede “dorme?”, parti con una serie di “certoCheDormeSeEraPerTeAll’unaSiAddormentavaPENSO-A-TUTTO-IO”

Insomma, secondo me l’unica regola da seguire è solo: non stressarti più del necessario.

4) NON CONCEDERSI MAI UN MINUTO PER SE 

Salvo i primi mesi che sono uno scombussolamento per tutte (almeno che tu non sia Kate di Inghilterra, ma non ci giurerei che anche a lei in qualche modo non sia toccato) tu HAI IL DOVERE morale di fare il minimo indispensabile per te stessa. Una ceretta, la tinta, leggere un buon libro, prendere un caffè con le amiche. Non dico sempre, so che è difficile, specie quando non si lavora e ogni minuto lo si passa con lo gnomo.
Programmalo se serve, mettilo a calendario e quando arriva il momento non ci sono scuse. Qualche anima pia ti terrà il bambino per un paio d’ore una volta ogni tanto. E poi in genere c’è anche un padre. Sai si, quell’individuo che delle volte noi donne facciamo l’enorme errore di relegare in un angolo, tipo Stella di Natale che a Maggio ancora non è morta.

Certo, lo so, ci sono anche i padri che se ne fregano, ma là ci vorrebbe un altro capitolo o poi divento prolissa.



0 0 vote
Article Rating

Rispondi

6 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
ElenaRigon
3 anni fa

Sottoscrivo su tutta la linea; e quanto al punto a) aggiungo che una volta in spiaggia ho sentito il bambino chiedere a sua mamma di andare in acqua e lei rispondere ‘ok ma non bagnarti’. Io le mamme in genere le evito :))

ElenaRigon
3 anni fa
Reply to  unamammazen

Beh per fortuna si ci sono anche donne in gamba!!! Ci mancherebbe 😘

Mindfulmamma
3 anni fa

Sottoscrivo tutto!!! Si all’essere flessibili, al prendere tempo per se, al coinvolgere i papà!! Hai dimenticato un’altra bestia nera di ogni mamma: il senso di colpa!!!😲😲😲