Natale Zen. Mica tanto

Natale Zen. Mica tanto

Anche quest’anno è arrivato il momento di fare l’albero. Anche quest’anno, insieme alle palline e gli addobbi, affiliamo i coltelli.

No, perché dovete sapere che è da ormai 6 anni, cioè da quando io e la mia dolce metà viviamo insieme che ogni anno, puntualmente, mentre facciamo l’albero, litighiamo.

Alla faccia del clima natalizio. Il motivo? Semplice, a lui piacciano gli alberi pacchiani: grassi da far schifo, con mille luci e colorati senza un abbinamento logico, carichi di festoni come se piovesse.

Io sono per l’albero semplice, sobrio, in genere mono colore e con qualche tocco di originalità. Nessun festone.

Lui dice che è scarno e rinsecchito, io che è elegante. E da là non se ne esce.

Ma quest’anno… Quest’anno, mi sono detta, con lo gnomo che ci aiuterà a farlo sarà tutto diverso.

Come no.

Eccoci qua, al nostro inizio:

Come si può vedere dalla dimensione, negli anni passati ho vinto io. Devo ammettere che vivendo in 45mq a Milano non avevamo molta scelta, quindi non so se qui durerà ancora per molto.

Anche il cane ha partecipato con sua somma gioia agli ornamenti. Ebbene sì. siamo ufficialmente entrati nella fase

GNOMO-LASCIAINPACE-ILCANE

La mezz’ora seguente l’abbiamo infatti passata a dire gentilmente prima, sgridando poi e decisamente implorando verso la fine:

“Nooo quelle palline non sono da tirare al caneeee”

Per il resto devo ammettere che è stato molto collaborativo. Persino il cappellino si lasciato mettere

Questo clima di sereno dolce Natale sarà durato venti minuti. di più credo non si potesse chiedere.

Dopodiché ha iniziato ad annoiarsi e pretendere di mettere le palline verdi anziché le rosse:

“No amore, lo vedi che l’albero è tutto rosso? Daaaai che ti sei messo d’accordo con tuo padre?”

“Ahhh mó anche al bambino devi rompere, non dici sempre che devono essere liberi di esprimersi? Lascialo fare”

Sorride sornione.

E così ho passato il tempo a fargli agganciare palline verdi tra un lancio e un pianto di frustrazione quando non ci riusciva, e a levarle appena si distraeva e cambiava angolazione.

Finalmente finiscono le palline rosse, l’alberello è pronto!

“FA VERAMENTE CA A G A RE”

“Non dire queste parole davanti al bambino”

“Guarda, fra un po’ anche se non parla te lo dice anche lui. è secco, striminzito…”

Prima che scoppi il settimo litigio in 7 natali troviamo il compromesso: palline blu e rosse. ok luci.

Nessun festone, però.

Va bene, lo so. non è bellissimo.

Però è simpatico 😂

E poi come ci siamo divertiti e amati, quella sera.

 



0 0 vote
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments