La cameretta Montessori (spendendo poco)

La cameretta Montessori (spendendo poco)

Ci risiamo, ecco un’altra fissata con la moda della Montessori.

Quante di voi lo pensano quando sentono questo nome?

Quando, 2 anni fa, feci un viaggio in Nepal mi stupì nel vedere che tutte le scuole private fossero montessoriane.
Ricordo che pensai “beh, almeno in Asia qualcuno se la fila”.

Si vede che non avevo figli allora e non sapevo le tendenze 🙂

In realtà, anche se il nome di Maria Montessori è usato a casaccio spesso e volentieri, non si può negare che le sue teorie siano estremamente valide (Jacopo frequenta un asilo nido a impronta Montessori e io sono molto soddisfatta).
Ho voluto creare per lui una cameretta in stile Montessori, ma poiché a voler seguire alla lettera le sue indicazioni avrei dovuto fare tutto in legno, quasi asettico ed estremamente minimalista, diciamo che ho mischiato un po’ qua e là in base al mio gusto personale, al mio portafoglio e allo spazio a disposizione.

Fare una cameretta Montessori spendendo poco è assolutamente possibile

Iniziamo con il lettino. Basso e in legno.

 

Abbiamo comprato il lettino KRITTER dell’Ikea per la cifra di 54euro e tagliato le gambine a 2 cm dalla base.
All’inizio il mio compagno ha provato a tagliarle con un seghetto dell’ante guerra, ma stavano venendo così storte che siamo scappati in un negozio di quelli dove tagliano il legno e ce l’hanno fatto gratis. 🙂

Il tappeto coi numeri è il classico puzzle in vendita in qualsiasi negozio di giocattoli e i cuscini sono per evitare che sbatta in ogni dove visto che le notti dello gnomo sono sempre estremamente agitate.

Gli adesivi presi su Amazon.
Il cane non l’ho comprato a IKEA ma toglierselo da davanti è quasi più difficile che far addormentare lo gnomo.
Passiamo al resto. Alla libreria espositiva in stile Montessori che mi avrebbe rubato spazio e sopratutto costa un occhio della testa (anche quella l’ha fatta IKEA ma era introvabile e sopratutto troppo piccola) ho preferito il comune cubo KALLAX €29.99)

 

Siccome i suoi libri, di cui è pieno e che sfoglia per due minuti massimo con la stessa frenesia con cui fa tutti i giochi per poi lanciarli in un angolo, sono anche in sala in un’altra libreria, qui ho deciso di mettergli solo quelli della nanna sperando lo aiutassero a dormire (ehhh)
per il restante spazio ho appoggiato giochini vari in legno IKEA e No.

La tenda è di ZARA Home, non ricordo il costo circa 50euro.
Sono stata indecisa se lasciare il fasciatoio o meno in camera, all’inizio l’idea era di spostarlo, ma non sapevamo bene dove metterlo e alla fine per praticità l’abbiamo lasciato qui.
Ho cercato di abbellirlo con qualche foto e adesivo

Poi c’è l’area gioco con un comunissimo tappeto IKEA e adesivo del piccolo principe

 

Sì, il bambino con quell’orribile abbinamento di maglietta – pantaloni è mio figlio, pantaloni tolti al volo per incidente con una banana e messi i primi che ho trovato, sono sicura che Enzo Miccio mi perdonerà.
Ma il pezzo forte, ovvero quello che mi ha fatto fortemente impazzire, è stata lei. La finestra specchio.

Lo specchio è un comune specchio IKEA che abbiamo attaccato ad un pannello di legno a sua volta attaccato al muro. Ma la parte difficile sono state le tendine. Essendo io notoriamente una SEGA con il taglio e cucito, avevo questa stoffa residua e ho cercato di arrangiarmi a mio meglio. Solo che una volta tagliata la stoffa ha iniziato a sfilacciarsi e … tragedia!
Ho così scoperto su Google che per evitare lo sfilacciamento dei tessuti bisogna tagliare in diagonale.
E mi sono detta:”bene, faccio le tende a zig zag!”

Non so quanto si capisca dalla foto ma mi sono messa a tagliare obliquamente per mezz’ora, sono tutte storte ma chisse-ne-frega. Jp le adora e passa minuti (che per lui sono un sacco di tempo) a fare cucù.
Ora, traendo le conclusioni posso dire che lo gnomo ama la sua nuova camera ma si rifiuta di dormire nel lettino.
Mia madre dice che è perché sembra la cuccia del cane … ma non credo sia questo il motivo. Probabilmente lo indispone semplicemente dormire solo.

Ah, infine all’ingresso di casa ho piazzato questo:

Nella scatola/scaletta ho messo le sue scarpine così che possa sedersi e farsele infilare e poi usare la scaletta per prendere le sue giacchine.
Inutile dire che lo fa una volta su 10, però sono fiduciosa!

****

Aggiornamento del 09-12-2017 Cameretta Montessori

Era da tempo che volevo aggiungere alcune note a questo post, scritto un anno fa e pubblicato nel vecchio BLOG.

Adesso lo gnomo dorme tranquillamente nella sua cameretta da solo
(ma come hai fatto?  NIENTE, non ho fatto niente, si è deciso da solo dandomi l’ennesima dimostrazione che se rispettiamo i bambini e li lasciamo fare arrivano tutti a dai passi evolutivi importanti).
Ogni tanto viene nel lettone, e la cosa non ci disturba, quando inizia a scalciare lo rimettiamo dov’era.

Durante il sonno NON sbatte più in ogni dove grazie all’idea geniale del mio compagno:
abbiamo comprato due di quei tubi in gomma che si usano per la piscina, li abbiamo tagliati a metà e abbiamo “foderato” la spalliera del lettino e la sponda. Sul muro abbiamo messo un mio vecchio tappetino da YOGA 🙂

Inoltre abbiamo comprato la libreria Montessoriana, quella vera, su Amazon.


Jacopo la adora, si serve da solo e rimette i libri al suo posto. Ma sopratutto si è divertito un sacco a montarla insieme al papà.

 

 

 

 

 

 

 

 

Facebook Comments


Lascia qui un commento

5 Commenti on "La cameretta Montessori (spendendo poco)"

Rispondi

Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
silvia
Ospite

complimenti per l’arredamento della cameretta sei stata veramente brava..sono Silvia al nono mese di gravidanza e mi piacerebbe anche a me un domani arredare in questi termini…
stavo leggendo altri tuoi articoli interessanti mi iscrivo al tuo blog, se ti va puoi fare lo stesso con il mio ti posto il link
https://ilsalottodisilvia.wordpress.com
un abbraccio ed a presto
Silvia

Mindfulmamma
Ospite

Ho sempre avuto un grande dubbio riguardo al letto Montessori: ma il bimbo non si alza e se ne va in giro nel corso della notte? Ale per ora dorme nel lettino con le sbarre..si muove come un matto e credo che senza sbarre sarebbe sempre in terra (per altro è riuscito a saltare fuori anche dal lettino con le sbarre!!)..ma per il futuro non mi dispiacerebbe il lettino montessori..ma questa cosa di lui che gira per casa di notte mi terrorizza..

trackback

[…] di come abbiamo realizzato il lettino Montessori ne ho parlato nel post la cameretta Montessori (più o meno). Siccome lo gnomo cadeva spesso visto il suo sonno agitato lo abbiamo contornato di cuscini e così […]

wpDiscuz